Crisi Inpgi, Adepp: “La causa non sono i giornalisti. Ora il governo scelga”

La crisi dell’Inpgi è senza dubbio la conseguenza della crisi del suo sottostante lavorativo. Siamo infatti passati dall’informazione su carta, che faceva perno su professionisti ordinistici e su regole certe, a un mondo della comunicazione molto più ampio ma destrutturato e caratterizzato dalle figure professionali più varie, con inquadramenti previdenziali più disparati. Continue reading

INPGI: MACELLONI, ALLARGAMENTO PLATEA UNICA SOLUZIONE STRUTTURALE

“Il Presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, dichiara di non voler interferire nell’autonomia della Cassa di previdenza dei giornalisti ma, allo stesso tempo, ancora una volta , fa di tutto per sabotare ogni possibile soluzione strutturale alla situazione di grave crisi dell’Inpgi”.

Lo ha detto la Presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni, commentando le dichiarazioni di Tridico nel corso dell’audizione alla Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme di previdenza e assistenza sociale. Continue reading

INPGI: APPROVATE DAL CDA MISURE DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DELLA SPESA E L’AUMENTO DELLE ENTRATE

Il Consiglio di amministrazione dell’Istituto, nella seduta del 23 giugno 2021, ha dato attuazione alla delibera di impegno assunta nello scorso mese di gennaio e ha approvato un pacchetto di misure volte a incrementare le entrate e ridurre la spesa nel rispetto di quanto previsto dall’art.16 quinquies della legge n. 58 del 28 giugno 2019. Si tratta di misure che l’ente è tenuto ad adottare per accompagnare l’auspicato processo di allargamento della platea delineato dalla norma e che entreranno in vigore dopo l’approvazione dei Ministeri vigilanti. Continue reading

MACELLONI/INPGI: SENZA LAVORO, A RISCHIO LA SALVAGUARDA DELL’ISTITUTO, NECESSARIO INTERVENTO DEL GOVERNO

“Finché il lavoro nell’informazione sarà cosi depresso non si può pensare di riportare i conti dell’INPGI in stabilità. E’ importante capire il collegamento che esiste tra il lavoro e la previdenza. Se il lavoro non c’è e se non ci sono più le persone che lavorano nelle redazioni, che pagano regolarmente i contributi, l’INPGI non può sostenersi da solo. Il problema dell’Istituto non va affrontato singolarmente, ma nell’ambito di una riforma di sistema”. Continue reading